Un alfabeto in musica… pop/rock!

Tempo fa, in questo post, avevo parlato di quanto l’ascolto della musica, in particolare classica, sia importante per molti aspetti per lo sviluppo del bambino, già a partire dalla vita intrauterina…

Ma poiché la musica in generale è davvero parte fondamentale della nostra vita nel veicolare, amplificare e trasmettere emozioni e stati d’animo (avete mai provato a mutare il televisore proprio durante la scena clou di un bel film, che sia romantico, thriller, western o d’azione? Le immagini, da sole, non hanno proprio la stessa potenza evocativa…) ho pensato di condividere un elenco di brani pop/rock che amo, sempre sotto forma di alfabeto.

Perché sicuramente le emozioni positive che può suscitare una canzone dolce, magari legata ad un bel ricordo, o che semplicemente ci piace, ci mette allegria e ci fa venir voglia di ballare, le avvertiranno anche i nostri piccoli ed è una cosa positiva… Per questo, secondo il mio gusto, ho citato sia brani lenti e dolci che più leggeri o decisamente rock… Buon ascolto!

A come A modo tuo di Elisa, testo (capolavoro) del Liga e come se non bastasse spettacolare anche il videoclip… in poche parole, un must. E poi Africa dei Toto.

B come Breakfast to Tiffany (Deep blue), Baciami ancora di Jovanotti e Buon viaggio di Cremonini.

C come Cornflake girl di Tori Amos e Colori di Luca Carboni.

D come Dreams dei Cramberries e Dancing di Elisa.

E come Eppure sentire di Elisa, Every breath you take dei Police e Everybody hurts dei Rem.

F come Fields of gold di Sting, Fast car di Tracy Chapman e Fidelity di Regina Spektor.

G come Gli ostacoli del cuore di Elisa e Guardian di Alanis Morissette.

H come la bellissima Hallelujah di Leonard Cohen (cantata da Rufus Wainwright), Hide and seek (Imogen Heap) e Happy di Pharrell Williams.

I come I’ll be there for you (the Rembrants), sigla del – per me – più bel telefilm di tutti i tempi, Friends… Fa parte da sempre della mia playlist e ogni volta che la sento mi viene voglia di muovermi, ballare e cantare a squarciagola… E a quanto pare questa passione si trasmette, eccome…

J come Just my imagination, dei Cramberries, Je veux di Zaz e sarà pure demodé ma Jailhouse rock dei Blues Brothers (cover di Elvis Presley)…

K come Kiss me dei Sixpence none the richer e Kiss the rain di Billie Myers.

L come Le donne lo sanno di Ligabue, da cantare a squarciagola.

M come Mambo n°5 di Lou Bega e la dolcissima Mmm mmm mmm mmm dei Crash test dummies… chi se la ricorda? Mentre, per sognare di terre lontane e mari del Sud Mama di Khadija Nin (colonna sonora di un celebre spot Bilboa che, se farete la prova, tanti neopapà ricorderanno…) Infine un grande classico: More than words degli Extreme.

N come Nobody’s wife di Anouk (forse non un capolavoro, ma mi piace, e tant’è) e No surprise dei Radiohead.

O come Ode to my family dei Cramberries e One of us di Joan Osborne.

P come Per te, dolcissima canzone scritta da Jovanotti per la nascita di sua figlia… Anche il questo caso tenerissimo il videoclip con immagini personali… E Padremadre di Cremonini.

Q come Qualcosa che non c’è di Elisa.

R come Runaway dei Coors.

S come Sultans of swing dei Dire Straits. Credo la mia canzone preferita, non mi stanca mai, pur essendo stata per molto anche la suoneria del mio cellulare; la splendida Sad eyes di Bruce Springsteen e per farsi attraversare da emozioni positive non serve che alzare il volume con Simply the best di Tina Turner… Ma anche Sei nell’anima della Nannini ha il suo perché, come anche Somewhere over the rainbow (nella versione di Norah Jones).

T come True colors del grande Phil Collins… C’è da aggiungere altro?!? (A me piace molto anche This kiss di Faith Hill, That I would be good di Alanis Morissette e The reason di Hoobastank..)

U come Uninvited di Alanis Morissette, colonna sonora dello splendido e struggente film City of Angels.

V come Vieni a vivere con me di Luca Carboni.

W come Wicked game di Chris Issak, da viaggio e come sottofondo per momenti romantici, così come Wanted dead or alive di Bon Jovi, Why di Annie Lennox e la splendida Will you be there di Michael Jackson…

Y come You’re not alone, sempre del grandissimo Michael Jackson e You’ll follow me down di Skunk Anansie.

Z come… Zucchero. Chiudiamo con il botto. In questo specifico caso cito l’autore perché mi è davvero impossibile scegliere un brano su tutti… Adoro i capolavori lenti e dolci come Voci, Diamante, Dune mosse, Ci si arrende, Così celeste, Il volo, Occhi ed altri ancora, quanto quelli forse più conosciuti, da alzare il volume e scatenarsi. E credo che la mia bimba sia davvero la sua più giovane fan (lei però preferisce ballare!)

I più pignoli avranno subito notato che manca la X.

Abbiate pazienza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...